L'occasione d'oro

"Rifiutassimo pure ogni profondità, se cela un monte l’oro né più alcuno vuol cercarlo, lo porta in luce, un giorno il fiume, lo coglie nel silenzio dei gravidi macigni. Anche se non vogliamo: Dio matura." R.M.Rilke*

La profezia

Selfie

“L’altruismo è la maschera dorata
dell’egoismo e del narcisismo,
nient’altro che un'anomala gratificazione.”
Lorenzo Licalzi

Certo che è quanto meno bizzarro assistere come il vero signore della storia, il Tempo, aggiusti ogni cosa e rimetta proporzioni e significati al giusto posto. Chiara Lubich e seguaci erano convinti, e in parte purtroppo lo sono ancora, di essere portatori di una luce nuova, di un ideale, detto l'Ideale, che avrebbe dovuto informare tutta la Chiesa e l'umanità. Una nuova comprensione del Vangelo che avrebbe dovuto dare completezza teologica a tutto quanto fosse stato detto prima. 

Questa convinzione cristallina e granitica innesca invece un pericoloso circolo vizioso di vanità e autoreferenzialità. Lo si evince fin troppo dalle parole della canzone "La vita è così"* che il complessino del GenRosso, uno degli organi al servizio della propaganda focolarina, mise in musica negli anni '70. Le parole della canzone vorrebbero essere di monito per quei poveretti che non credendo nell'Ideale, prima o poi avrebbero sperimentato la delusione cocente della vita. 

La vita è così

Castelli in aria, fuochi di paglia, case di carta costruite sulla sabbia. Fumo negli occhi, strani colori, incenso che si brucia per dei falsi onori. Tante illusioni, ipocrisia, ma crolla sempre ciò che è solo fantasia.

Rit.: Sì, la vita è così, i sogni finiscono prima o poi, un'altra è la verità, dobbiamo affrontarla tutti noi. Non si può restare ad occhi chiusi e poi gridare a tutti che il sole non c'è.

Gente che lotta, gente che muore, senza sapere che esiste anche la pace. C'è chi conosce solo il sospetto, c'è chi non sa cos'è il calore di un affetto. Qualcuno sbaglia, senza sapere, ma c'è ancora chi si ostina a non vedere.

Rit.: Sì, la vita è così… Non si può restare ad occhi chiusi. Guardiamo in faccia qual è la verità.

Ma la giustizia non può mancare e chi ha sofferto dovrà un giorno anche godere. Perché chi ha pianto non può restare a denti stretti a inghiottire il suo dolore. Uno l'ha detto: "Tutto è contato". E lui darà ad ognuno quanto ha meritato.

Rit.: Sì, la vita è così… Non si può restare ad occhi chiusi. Guardiamo in faccia qual è la verità.

E invece come un boomerang questa attualissima profezia è ritornata indietro in faccia al mittente e rileggerla ora, conoscendo la situazione del movimento dei focolari, dà molto da pensare. Basterebbe anche solo la prima strofa. 

E a proposito di autoreferenzialità, in sociologia una profezia che si autoadempie è una previsione che si realizza per il solo fatto di essere stata espressa. Predizione ed evento sono in un rapporto circolare: la predizione genera l'evento e l'evento verifica la predizione.** 
Chiaro no? 

Un poco più di umiltà avrebbe evitato questo confronto impietoso con la realtà, con la storia. Perché proprio da questo narcisistico "selfie" ante litteram si capisce l'errore in cui indugiò Chiara e chi mal la consigliava: dividere il mondo tra "noi" e "loro", tra buoni e cattivi, tra chi capisce e chi non capisce, tra fuori e dentro. 

È un errore reiterato nel tempo, diventato struttura e ahinoi ancora patrimonio genetico di una realtà nata invece affinché non ci fossero divisioni, ostacoli, muri, fazioni. In questo, più di tutto, consta la disfatta dell'ideale di Chiara e quella schizofrenia latente che ha lasciato in eredità ai suoi. 

Sì, la vita è così focolarini... e allora guardatela in faccia questa verità.


----

* ascolta questo capolavoro dall'album 'Senza Frontiere' - 1975 a questo link

** 
Per profezia che si autoadempie deve intendersi, secondo la definizione del sociologo statunitense Robert K. Merton, che introdusse il concetto nelle scienze sociali nel 1948, «una supposizione o profezia che per il solo fatto di essere stata pronunciata, fa realizzare l'avvenimento presunto, aspettato o predetto, confermando in tal modo la propria veridicità». Merton trasse ispirazione dalla formulazione che un altro celebre sociologo americano, William Thomas, aveva dato di quello che è passato alla storia come Teorema di Thomas che recita: «Se si definiscono certe situazioni come reali, esse saranno reali nelle loro conseguenze».

Commenti

  1. Qualcuno sbaglia senza sapere ma si ostina a non vedere...non è vero senza sapere..io non sono foc ma ricordo che 50 anni fa già c'erano persone che facevano notare storture e incongruenze, tuttavia ostinarsi a non vedere vale anche oggi..quindi..più che un boomerang è stato un macigno lanciato per aria e che gli è ripiombato sulla testa

    RispondiElimina
  2. Mi hanno ricordato la fiaba di pinocchio, della fata turchina che voleva fargli prendere la medicina amara mentre lui insisteva a voler prendere prima lo zuccherino..come ho detto, 50 anni fa, anche al mov ci sono state persone che hanno tentato di far prendere la medicina amara al mov, tuttavia...zucchero si medicina no...ciocchi di legno anche li dentro?? Sono passati gli anni, oggi il mov è in ospedale...flebo, ossigeno, trasfusioni nel tentativo di non farlo morire..forse già in coma,caro pinocchio..pensa... un cucchiaio di medicina amara anni fa avrebbe cambiato tante cose..ma si sa..se in tanti sono pronti a darti zuccherini...oggi hai tantissimi problemi e... pure la carie e il diabete

    RispondiElimina
  3. Ho dei figli...quante volte avrei preso un martello per darglielo in testa...come avrebbe fatto mio padre con me...ma se fosse capitato qualche cosa mi sarei buttato nel fiume..ora voi foc fatevi questa domanda..lei..lo avrebbe fatto per voi o era solo tanta propaganda, blablabla, quanti dei responsabili lo farebbero ..un padre aveva due figli uno tutto moine e sisi l'altro che criticava,voi da che lato siete?? vi siete accorti che li dentro non si fa altro che blaterare in continuo..tanto fumo ma niente arrosto

    RispondiElimina
  4. Povero/a foc sino a quando gli siete stati utili vi hanno ricoperto di complimenti..non appena ve ne siete andati vi hanno già relegato nel profondo dell'oblio, altri si sono sbattuti a prendere il vostro posto..sono decine di anni che sto assistendo a queste scene..non appena hanno donato i loro averi al mov non mettono più neanche un mazzolino di fiori finti sulla loro tomba..scomparsi..ve lo posso confermare perché tutti gli anni vado io a portare un mazzolino di fiori...e tolgo il mio dell'anno prima.............VERGOGNATEVI

    RispondiElimina

Posta un commento

Per favore, commenti da adulti. Si può essere non d'accordo con i temi del blog, basta farlo presente con gentilezza. Qualsiasi tipo di insulto o buttata in caciara verrà ignorato. Please get used to it!