L'occasione d'oro

"Rifiutassimo pure ogni profondità, se cela un monte l’oro né più alcuno vuol cercarlo, lo porta in luce, un giorno il fiume, lo coglie nel silenzio dei gravidi macigni. Anche se non vogliamo: Dio matura." R.M.Rilke*

Non gioco più!


“I focolarini sono come i bambini,
si può sempre sperare che un bel giorno diventeranno adulti.”



Il nostro ultimo post (vedi link) ha avuto un enorme successo di pubblico con oltre 1000 visualizzazioni in vari canali. La video intervista, domande concordate e scelte, secondo l'usanza focolarina senza un contraddittorio, con il co-presindente del movimento dei focolari Jésus Morán è ricca di spunti di riflessione su cui abbiamo richiamato l'attenzione. Dopo quasi una settimana che questo video è rimasto pubblico su vari canali, da youtube a facebook, il movimento dei focolari, probabilmente in seguito al nostro post ha deciso prima di rendere il video fruibile solo a pochi, poi, in una escalation di panico, lo ha rimosso del tutto.

Amici focolarini, non siete più sotto le bombe della seconda guerra mondiale: il mondo si è evoluto, è andato avanti e oggi qualsiasi cosa si renda pubblica sui socials, tale resta, anche se si prova a cancellarla per i motivi che sapete solo voi.

Così rilanciamo ancora una volta e vi proponiamo i contenuti della terza domanda di questa intervista che è e resta ancora fruibile in rete (vedi link).*

Nessun commento a Morán questa volta perché si commenta da solo. Motivo per cui evidentemente si è provato a censurarlo per proteggerlo da sé stesso. La nostra impressione è che per Morán stia diventando sempre più difficile scendere a patti con la sua intelligenza e preparazione. Si rende conto onestamente e con coraggio di tante storture e derive nel movimento dei focolari, come pure della narrazione slegata dalla vita reale. Così prova a salvare capra e cavolo, con gli esiti che ben si intuiscono. Sopratutto Morán non può prendere posizione rispetto al carisma e la persona di Chiara Lubich stessa senza entrare in guerra con le focolarine. 

Buona lettura

----

Domanda di Valter Giantin (con sua sua moglie e la sua famiglia vivono a Padova: è un medico geriatra bioeticista clinico e direttore della UOC geriatria di Bassano del Grappa, da anni appartenente alla comunità del movimento dei focolari in Veneto)

"...Parli spesso di un processo di purificazione della memoria che il movimento dei focolari sta vivendo in questa fase post fondazione. Quali sono secondo te i passaggi fondamentali che già ritieni siano stati effettuati e quali invece siano importanti da mettere in atto ancora in tal senso, questo sia nei centri di coordinamento che nelle periferie?”

Risposta di Jésus Morán

"Lasciamoci illuminare da questo concetto di Caterina da Siena: la casa della conoscenza di sé, la prova di entrare nella casa della conoscenza di sé.

Ovviamente questa è l'esperienza che stiamo facendo nel movimento oggi proprio dopo la fondazione e ci siamo trovati un po' orfani non solo perché Chiara Lubich è partita per il cielo ma anche perché sono partiti tutti i suoi primi compagni che noi abbiamo conosciuti in tutti i continenti: io ero in America Latina e per 27 anni e sono stato vicino a due dei primi compagni di Chiara che ti portavano questo sapore della fondazione, sapore di qualcosa di nuovo, di qualcosa di forte, di attraente. 
Ecco a un certo punto siamo entrati in una fase di orfanezza. 

È venuta a mancare la luce con cui vivevamo tutto quello che vivevamo e non che certi problemi che adesso constatiamo non c'erano prima; c'erano però la luce della fondazione, la luce dei fondatori non ci faceva vedere le nostre meschinità, le nostre inadeguatezze. 

Quando passa la fondazione, il periodo fondativo carismatico, inizia un altro periodo che io chiamo di fondazione storica. Non è che un è un periodo solo. Si potrebbe parlare di periodo post fondazionale. Però secondo me è più esatto parlare di periodo di fondazione storica, non più carismatica. 

Cioè manca la luce carismatica; abbiamo altre grazie invece che devono incarnarsi. Allora lì appunto bisogna attraversare la prova della conoscenza di sé che vuol dire rendersi conto che non siamo all'altezza del Carisma, che non siamo capaci di realizzare le grandi profezie dei fondatori, della fondatrice. 

Quindi riconoscere che non siamo capaci di vivere il Carisma dell'Unità, che che non siamo capaci di risolvere i nostri conflitti, nonostante parliamo sempre di unità e siamo nati per l'unità e abbiamo la vocazione dell'unità. 

Allora questo passaggio è fondamentale ma dopo in questo periodo di fondazione storica c'è un aspetto importante: la purificazione della memoria. Cioè adesso sì, prima non era il momento. Ma adesso sì. 

Dobbiamo tornare indietro e dire: "...però aspetta ci sono state delle cose che abbiamo fatto male, ci si ci sono state delle infedeltà gravi. Ci sono state delle derive che ci hanno portati lontani dal Carisma." 

Questo è fondamentale perché senza questa purificazione della memoria non non si riparte con energie nuove, soprattutto anche perché tante persone hanno sofferto. 

Allora io direi che questo è un processo tremendamente benefico di purificazione della memoria. Vedete che la chiesa lo lo sta facendo, però soprattutto da Giovanni Paolo II in qua si è si è accentuato. Giovanni Paolo II ha chiesto perdono alla fine del 2000 per tutte le cose commesse non evangeliche che la chiesa ha fatto. 

Allora i passaggi effettuati già effettuati che io vedo che che abbiamo compiuto in questa linea sono quelli che riguardano gli abusi sessuali. Nessuno di noi poteva pensare che il movimento dei focolari che parla tanto di unità, di reciprocità, della presenza di Gesù in mezzo a noi... che il movimento dei focolari potesse diventare un luogo insicuro per per i minori. 

È stato doloroso accettarlo. E allora questo passaggio lo abbiamo effettuato lo abbiamo assunto pienamente, abbiamo chiesto perdono pubblicamente e abbiamo creato le strutture di prevenzione e formazione perché non si ripetano. 

Da effettuare ancora c'è tutto quello che riguarda invece gli abusi spirituali e gli abusi di coscienza. Cioè il fatto che ci sono state delle derive a causa di cattive comprensioni o comprensioni deformate del Carisma dell'Unità o della dinamica dell'Unità che hanno portato a veri abusi spirituali. 

Allora su questo ancora ci stiamo lavorando anche perché la Chiesa stessa ci dice che "non basta che voi avete le strutture adeguate per prevenire gli abusi, dovete capire perché si sono verificati..."

Allora questa ermeneutica causale di ciò che è successo e che ha portato anche ad abusi spirituali e di coscienza è un lavoro da fare. E siamo impegnati in questo addirittura con persone dedicate a questo. Speriamo che in in un anno, forse due, non lo so, possiamo arrivare a una comprensione nuova. 

Poi e ci sarebbero altre cose, ma per me queste sono fondamentali per quanto riguarda la purificazione della memoria. Perché ancora nel movimento ci sono tante persone che hanno conosciuto Chiara Lubich. Però noi dobbiamo trasmettere alle generazioni successiva il suo Carisma. Certamente attualizzato e da attualizzare però trasmettere genuinamente il carisma. E questa trasmissione è fondamentale. Quindi dobbiamo capirlo bene, dobbiamo capirlo bene a partire dalla vita ma anche con studi adeguati e capire bene quando noi parliamo di unità che di che cosa stiamo parlando; quando parliamo di rapporti trinitari, addirittura come rapporti che riflettono in qualche modo la vita della della Trinità come modello di unità, bisogna capire di che cosa stiamo parlando. E questo è tutto da fare.”


-----


* Trascrizione parzialmente corretta. Abbiamo aggiunto la punteggiatura e corretto la forma in italiano. 

Commenti

  1. Il mov è stata una casa costruita sulla sabbia..ovvero una casa costruita su cl e..solo in apparenza su Gesù, è arrivata la tempesta e la casa sta sprofondando, non aveva fondamenta, è così che la cantavate..ma non l'avete capita, anche perché qualcuno si era indaffarato per convincervi del contrario. Anche fra i francescani vi sono state tempeste ma dopo centinaia di anni ci sono ancora, magari zoppicanti..con tante critiche i francescani sono ancora amati, il mov dei foc è visto dai più come una succursale, peggiore, dei tdg

    RispondiElimina

Posta un commento

Per favore, commenti da adulti. Si può essere non d'accordo con i temi del blog, basta farlo presente con gentilezza. Qualsiasi tipo di insulto o buttata in caciara verrà ignorato. Please get used to it!