L'occasione d'oro

"Rifiutassimo pure ogni profondità, se cela un monte l’oro né più alcuno vuol cercarlo, lo porta in luce, un giorno il fiume, lo coglie nel silenzio dei gravidi macigni. Anche se non vogliamo: Dio matura." R.M.Rilke*

Involuzione

Involuzione


Una volta che il fanatismo
ha incancrenito il cervello, 
la malattia è quasi incurabile. 
Voltaire



By P.I.

Chi ha fatto parte del movimento dei focolari vi è entrato certamente mosso da entusiasmo e generosità. È però indubbio il fatto, ampiamente documentato e su cui ci si dovrà interrogare seriamente, che molti, troppi, hanno avuto la propria vita emotiva distrutta. Purtroppo, se analizziamo cosa è accaduto in circa settanta anni, non vediamo splendere particolari frutti; piuttosto sembra che la linfa non scorra più nell’albero. Si tratta quindi di una evidente e clamorosa involuzione? In questo Blog abbiamo provato a documentare questo processo, abbiamo raccontato la nostra esperienza in merito e proposto delle riflessioni necessarie. Inoltre abbiamo cercato di capire di chi sia la responsabilità e da cosa e chi abbia avuto origine. Certamente Chiara Lubich ha giocato un ruolo importante ma il cerchio magico delle sue prime compagne e compagni ha una responsabilità enorme.

Ultimamente quando si affronta il tema degli abusi nei movimenti carismatici ci si imbatte inevitabilmente nel problema delle derive settarie. Questi movimenti, tra cui quello dei focolari, sono stati approvati dalla Chiesa, ben sfruttati da Giovanni Paolo II, ma ultimamente il vento é cambiato e l'attuale amministrazione si trova a dover correggere, commissariare, ridimensionare o sanzionare. Non si può parlare di sette perché sono appunto approvati dalla chiesa e così si ricorre alla definizione di "derive settarie" che é comunque una simpatica restrizione mentale. Ma tant'è.

Che il movimento dei focolari in relativamente breve tempo sia precipitato in un'involuzione settaria lo dicono comunque i fatti:

  • il culto ingombrante della personalità di Chiara Lubich
  • la struttura centralizzata e macrocefala
  • il linguaggio criptico da adepti
  • il bisogno di fare proseliti
  • la poca trasparenza
  • l'autoreferenzialità
  • la necessità, per chi volesse avvicinarsi e conoscere la spiritualità del movimento, di un percorso da iniziati che dura anni ed è scevro della semplicità e della immediatezza del vangelo. 

I focolarini infatti che volessero presentare e parlare del loro movimento, a parte l’imbarazzo di dire chi siano e cosa realmente facciano di concreto, segreto meglio custodito di quelli di Fatima, sarebbero impossibilitati ad “arruolare” tra le loro fila chiunque non sia disposto ad una trafila interminabile di incontri, video e discorsi della fondatrice. 

La riprova inoltre di questa inesorabile involuzione sono proprio le statistiche, vera ossessione di Chiara Lubich, che rivelano una implosione delle vocazioni in ogni ambito del movimento, soprattutto tra le fila dei giovani e dei consacrati, dove la domanda più impellente è “chi spingerà la carrozzina a chi?”. Fa sorridere che ci fu uno studioso che, in base ai numeri delle statistiche del movimento dei focolari, i famosi "due milioni" di partecipanti, tutti da dimostrare allora come oggi (vedi link), fece dei calcoli e una proiezione statistica in base alla quale riferì alla Lubich quanti anni restavano prima che tutto il mondo sarebbe divenuto "focolarino" e unito dal suo carisma. Chiara ne parlava come di una certezza, un'evidenza tangibile e nessuno pose qualche distinguo e peggio ancora nessuno avanzò dei dubbi sui numeri delle statistiche certamente pompati, risultato dello sforzo di compiacere Chiara e le sue nevrosi, ma decisamente distanti dalla realtà. 

Aver abdicato a favore degli anziani e rinunciato consapevolmente alla spinta propulsiva delle nuove generazioni ha condannato il movimento dei focolari a girarsi indietro, rivolti ai "primi tempi", nel verso sbagliato della storia. Investono le poche energie rimaste a celebrare quello che é stato perdendo clamorosamente il treno di quello che sarà o che potrebbe essere. 

Sappiamo bene che ci sono tante anime pure che nel silenzio e senza clamore vivono il vangelo e gli insegnamenti di Chiara . Come pure ci sono sicuramente tanti che con generosità e abnegazione hanno voluto giocarsi la vita in una strada di consacrazione all'interno del movimento dei focolari. Quello che noi cerchiamo qui di mettere in luce, oltre la nostra esperienza, sono quei problemi strutturali innegabili che il movimento dei focolari cerca di affrontare con esiti più o meno discutibili. È innegabile che se mancano le vocazioni, si chiude ad esempio la scuola dei focolari di Montet in Svizzera, per dirne una, beh questo è un segno e un sintomo di disagio. Se invece questa strada di consacrazione fosse tutta oro come la dipingono i focolarini, beh sarebbero benedetti da tante vocazioni e non costretti ad andare a pescare nel terzo mondo e far leva sulla povertà e miseria della gente che alla prospettiva di migliorare la propria vita e quella dei propri cari non riesce a dire di no. Come mai non c'è nemmeno una vocazione maturata nei focolari italiani? Non vi sembra strano? Nemmeno una, né maschile ne femminile. Sul versante poi delle nuove generazioni, là dove prima si riempivano i palazzetti ora si è contenti se si riesce a riempire le sedie intorno a un tavolo. Come mai i focolarini hanno smesso o non riescono più a parlare ed entusiasmare le nuove generazioni? Non vi sembra quanto meno una domanda degna di essere affrontata? Chiara Lubich era convinta che il suo carisma avrebbe dovuto rivoluzionare e chiesa e umanità, come mai in così poche generazioni invece si è assistito a questa involuzione?

Andrea Grillo, teologo cattolico, professore all’Ateneo sant’Anselmo di Roma ha scritto un libro che si intitola «Da museo a giardino. La tradizione della chiesa oltre il “dispositivo di blocco”. Le immagini del titolo sono chiare: il museo è destinato a conservare e proteggere per rappresentare ciò che è stato e non è più. Il giardino ospita invece la vita. Per il primo basta ogni tanto il mantenimento e la pulizia, il secondo richiede interventi costanti di promozione della vita come irrigazione, potatura, semina, ecc... Secondo Grillo la chiesa cattolica avrebbe più che mai bisogno di giardinieri, ma invece, per effetto di quello che l’autore chiama “dispositivo di blocco”, rischia di promuovere solo custodi di un museo

Non vi sembra di intravedere qualche somiglianza? Non vi pare di conoscere bene questo “dispositivo di blocco” e i solerti “custodi” del museo? È proprio il guado in cui si trova anche il movimento dei focolari. La sfida é quindi mandare finalmente in pensione i "custodi del museo" e trovare nuovi "giardinieri" affinché promuovano nuova vita. È necessario un cambio strutturale e non una cosmesi narrativa, tentazione cui il movimento indulge troppo di frequente.

Il cardinal Martini in "Conversazioni notturne a Gerusalemme", si augurava  cristiani indipendenti capaci di risposte personali alle domande fondamentali. Per Martini infatti la Chiesa dovrebbe essere più "un contesto che procuri stimoli e supporto, piuttosto che un magistero da cui il cristiano dipende". Lo scopo della vita cristiana per Martini non è obbedire alla Chiesa continuando a credere come si é sempre creduto; piuttosto è fondamentale la libertà della mente che consente di verificare in prima persona la «ragionevolezza della fede», purificarla se fosse necessario, vivendo così quella vita autentica di chi è se stesso e non un portavoce di pensieri altrui. Potrebbe essere questo un suggerimento per il movimento dei focolari, farsi promotore di persone adulte, libere, vive, sicure e forti della propria individualità? 

Prossimo post

Photo by
Redazione Inciampo del carapace

Commenti

  1. In riguardo di statistiche.
    Conosco un focolarino che ha dovuto fare un sondaggio per Casa Vita nel 2010 per calcolare quanti focolarini sarebbero rimasti in un futuro. Concluse che verso il 2070 NON ci sarebbero stati più Focolarini con la crescita di allora. Penso che il 2070 sia troppo positivo a questo punto e lo sarà molto prima.

    RispondiElimina
  2. Scusa ma questa volta devo dissentire, siccome ormai vado verso la senilità difendo la mia categoria!!!Nel movimento non si è abdicato nei confronti degli anziani, lo si è fatto nei confronti di gente sclerotica!!!! Ti assicuro di aver visto anche giovani ormai fermi sulle loro posizioni anche se gli provavi il contrario...confermato anche ieri. Alcune persone sono vecchie anche da giovani e persone anziane che davanti all'evidenza si fanno un esame e nel caso cambiano.La gioventù non è una mera questione di anni te lo dice un vecchietto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, figurati sfondi una porta aperta. Nel dire che il movimento dei focolari ha abdicato nei confronti degli "anziani" e a sfavore dei "giovani" diciamo esattamente quello che intendi tu. Non si tratta di un'età anagrafica, piuttosto di una mentalità che come ben sai ha origine in Chiara. È lei che era ossessionata dai "primi tempi" e lo ripeteva ogni due per tre. Ti riportiamo ancora una volta le parole profetiche di M.Z.:
      "La fuga dal movimento dei focolari delle persone che più presentano caratteristiche di creatività, originalità e pensiero divergente di cui, da troppo tempo siamo testimoni, oltre a essere un problema molto serio dal punto di vista istituzionale perché significa l’incapacità a rendersi conto dei talenti e anche del disegno di Dio su tante persone, si rivela un vero autogol perché poi viene completamente a mancare quella tipologia di persone che probabilmente Dio aveva suscitato proprio per il contributo specifico e insostituibile che potevano apportare all’Opera. Non meraviglia, quindi, una certa mediocrità a troppi livelli, proprio per l’assenza di persone portatrici della novità e del cambiamento".
      Ecco, é questo lo scandalo e l'autogol che ha commesso quella frazione di dirigenti focolarini e focolarine, incapaci di generare vita, incapaci di essere "giovani", ormai incartapecoriti e sclerotici, girati nel verso sbagliato della storia. Speriamo sia più chiaro ora.

      Elimina
    2. completamente d'accordo Ps io non sono nel mov. ho solo il pessimo vizio di guardare le cose

      Elimina
  3. Qualche settimana fa un focolarino ha cercato di far entrare nel movimento una persona, ora, far entrare qualcuno nel movimento secondo il mio parere è come far entrare gente in una casa che sta crollando. Il mov. si trova in una situazione molto critica perciò per me si tratta più di un danno che un bene, vedete ( se è ancora possibile) prima sistemate i problemi che stanno facendo crollare la casa, è solo proselitismo. Ritengo questo focolarino come quella massaia che si preoccupa di non far bruciare il soffritto nella pentola mentre il palazzo dove abita sta andando a fuoco. Crolla tutto intorno ma sei ancora convinto che sei G:A. torniamo al solito " è colpa degli altri,non siamo capiti" da li un buon focolarino non si schioda, come dice un proverbio : la vecchia guardia non arretra mai...neppure di fronte all' evidenza

    RispondiElimina
  4. In un altro post ho paragonato il movimento ad un buco nero,infatti ingoia tutto ciò che gli sta intorno.Il problema è che prima di farlo distrugge fa a pezzi quello che ha attirato a sé, ciò che entra in lui diventa sé stesso. Questo però secondo il mio parere è tuttaltro che amore l' amore dovrebbe essere come la galassia, dove tutte le stelle e i pianeti hanno uno scopo preciso di esistere e ciascuno in modo diverso dall'altro. Il movimento per accrescere sé stesso non si è mai preoccupato del resto, il risultato...un immenso pozzo dove tutto è uguale e stritolato

    RispondiElimina
  5. Condivido tutto purtroppo e mi sento uno dei maltrattati solo perchè dimostravo di ragionare con la mia testa e i responsabili non facevano altro che presentarmi come un disadattato o un poveraccio. E' qualcosa di disumano, di opposto alla Verità, anche oggi è praticamente impossibile confrontarsi con loro in quanto abbarbicati alla loro presunta sapienza, in realtà superbia. Per non parlare di città nuova la tanto strombazzata casa editrice molto debole e genuflessa coi poteri forti e incapace di aprire gli occhi su chi detiene il vero potere mondiale, e se provi a fargli capire qualcosa siccome non è previsto nei loro dettami ti respingono come se tu fossi un pazzo da allontanare. Insomma un disastro. Dovrebbero a mio avviso essere tutti denunciati altro che buona fede (Chiara esclusa ovviamente). I dirigenti hanno scelto la sedia comoda dei privilegi, dei viaggi in giro per il mondo gratis ecc. assolutamente negato qualsiasi rinnovamento perchè significava mettersi in discussione, sedie comprese. Questo movimento morirà lentamente e da una parte mi duole molto perchè ci avevo creduto anche a mia volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto tranne una cosa, quando al lavoro facevo notare parecchie magagne nella mia azienda il portinaio (da bravo napoletano) mi rispondeva: è dalla testa che il pesce comincia a puzzare. Il mov. nato anche per buoni scopi da subito è deviato su binari sbagliati, la ricerca di consensi, sopratutto di gente altolocata ha portato c.l. a dedicarsi sempre di più al comando, gli altolocati dirigenti il resto truppa, carne da macello. Dopo una mariapoli a cui aveva preso parte, dopo il suo discorso è salita in auto e se ne è andata. Ho visto ragazzine rincorrerla per salutarla ma lei non si è neanche girata a- quantomeno- salutare. Per lei a quanto pare o eri vip o niente

      Elimina
    2. Beh se guarda l'intestazione di questo Blog, si renderà conto che proprio di questo si tratta. "Degli errori di Chiara Lubich o di chi l’ha mal consigliata." Non ne facciamo mistero e in queste pagine cerchiamo proprio di metere in evidenza gli eventuali errori della Lubich, di chi l'ha mal consigliata e della Chiesa che non ha vigilato abbastanza, per solo tornaconto.

      Elimina

Posta un commento

Per favore, commenti da adulti. Si può essere non d'accordo con i temi del blog, basta farlo presente con gentilezza. Qualsiasi tipo di insulto o buttata in caciara verrà ignorato. Please get used to it!